Cheesecake salata con prosciutto, pere e fichi

Per uno stampo da 20 cm
INGREDIENTI

Per la base
● 125 g di cracker (del tipo preferito)
● 80 g di burro
● 30 g di formaggio grattugiato

Per la crema al formaggio
● 300 g di formaggio fresco spalmabile
● 250 g di ricotta (di pecora per un gusto più intenso o mascarpone per una nota più dolce e corposa)
● 100 g di robiola (o di gorgonzola per un gusto più intenso
● 70 g di formaggio grattugiato (Parmigiano Reggiano, Provolone, Emmenthal, a scelta o misti)
● 4 uova
● Sale
● Pepe
● Noce moscata

Per guarnire
● 150 g di prosciutto crudo di Parma
● Confettura di pere e fichi Happymama
● Pere e fichi freschi
● Timo

PROCEDIMENTO
Scalda il forno a 180°C in modalità statica.
Fodera uno stampo con carta forno. Ricava un disco per la base e delle strisce per i bordi interni, falli aderire spennellandoli con poco olio.
In un mixer riduci i cracker in briciole fini e uniscili al formaggio grattugiato e al burro fuso. Mescola accuratamente fino a ottenere un composto con la consistenza della sabbia bagnata.
Disponi il composto sulla base dello stampo e distribuiscilo più uniformemente possibile, pressandolo leggermente per compattarlo.
Inforna per 15 minuti. Intanto prepara la crema.
Mescola i formaggi, le uova, un pizzico di sale, di pepe e di noce moscata grattugiata fino a ottenere una crema fine. Puoi utilizzare un mixer o un classico sbattitore elettrico lavorando a impulsi e non troppo a lungo per evitare che i formaggi più delicati si separino.
Quando la base si sarà dorata, sforna e versaci sopra la crema al formaggio, livellandola per ottenere una superficie uniforme.
Inforna nuovamente per 45-50 minuti, se la cheesecake dovesse dorarsi troppo coprila con un foglio di alluminio per alimenti.
Sforna e fai raffreddare completamente, prima a temperatura ambiente poi conservala in frigorifero.
Poco prima di servire guarnisci con qualche cucchiaio di confettura di pere e fichi Happymama, pere e fichi tagliati a spicchi, prosciutto crudo di Parma tagliato a fette sottili e timo fresco.

by Valentina Masullo