Crostata di Prugne

Pasta frolla: croce e delizia di chiunque abbia provato, almeno una volta nella vita, a mettere le mani in pasta per prepararne un panetto. Soffice, burrosa, morbida, fragrante, frolla. Sono queste le caratteristiche che contraddistinguono questa preparazione base di pasticceria e, sono queste le caratteristiche, per cui è amata da tutti.

Fare la pasta frolla, non è affatto difficile come si immagina. Bastano pochissime regole da rispettare e la vostra base per deliziose crostate e subito pronta da gustare!

INGREDIENTI
Dosi per uno stampo da crostata dai 20 ai 26 cm di diametro:

  • 300 g di farina 00 + altro per il piano da lavoro
  • 150 g di burro di ottima qualità, freddo
  • 2 tuorli + 1 uovo intero
  • buccia grattata di 1 limone , non trattato
  • 1 pizzico di sale
  • 150 g di zucchero semolato
  • 314g Confettura Delizia di Prugna Happy Mama

    Montate leggermente i due tuorli, l’uovo intero e lo zucchero. Dovete ottenere un composto chiaro e spumoso.
    Disponete, su un piano da lavoro pulito, la farina, il sale, la buccia grattata del limone e il burro tagliato a cubetti.
    Aggiungete lentamente la montata di uova e zucchero.
    Iniziate ad impastare, assicurandovi di avere le mani fredde. Se così non fosse, bagnatele sotto il getto d’acqua fredda per abbassarne la temperatura. Questa fase è molto importante ed è necessario che lavoriate il panetto molto velocemente, giusto il tempo di incorporare per bene il burro alla farina.
    Una volta ottenuto il panetto, riponetelo in frigo, ricoperto da una pellicola trasparente, per almeno 30 minuti.
    Trascorso il tempo necessario, infarinate il vostro piano da lavoro e stendete il panetto di circa 1 cm con un mattarello. Dividete il panetto a metà se per voi è più semplice. Una parte la userete per foderare la base dello stampo e l’altra parte la utilizzerete per fare le strisce per decorare la crostata.
    Imburrate e infarinate uno stampo da crostata, arrotolate la pasta frolla intorno al mattarello e adagiatela nello stampo, srotolando man mano che la poggiate. Eliminate tutte la frolla in eccesso.
    Bucherellate, con i lembi di una forchetta, l’intera superficie della crostata.
    Aggiungete direttamente la marmellata dopo aver steso la frolla nello stampo, ricavate le strisce con la frolla avanzata e adagiatele sul vostro ripieno.

    COTTURA CON RIPIENO: forno caldo-statico- 170° per 30 minuti.

Delizia di Prugna: un modo sano di iniziare la giornata

“Per me la colazione è sinonimo di pane abbrustolito e marmellata.
Non ricordo un periodo della mia vita in cui abbia fatto colazione in modo diverso".
Così Giorgia Rinaldi racconta la sua colazione, che grazie a Delizia di Prugna è diventata la colazione preferita da tanti.

Per la confettura Delizia di Prugna Happy Mama utilizza solo prugne Zucchelle, le uniche dal contenuto zuccherino così elevato da permettere di ottenere marmellate di ottima qualità con l’aggiunta di pochissimo zucchero: soli 100 grammi per un chilogrammo di polpa, una percentuale che non ha paragoni in altre confetture.

Ma da dove viene la Prugna Zucchella e qual è la sua storia?
L’origine dell’appellativo Zucchella sembra derivi dall’essere soda e piccola, ma tanto succosa, “Suchéla”, cioè piena di sugo. La prugna Zucchella pare essere arrivata nella zona di Brescello, in provincia di Reggio Emilia grazie a Maria Luigia d’Austria, il cui ducato all’inizio dell’Ottocento si estendeva fino alla zona di Guastalla (la denominazione completa era, infatti, ducato di Parma, Piacenza e Guastalla). Sembra che la duchessa apprezzasse molto queste susine, portate qui dalla manodopera di origine slava che aveva chiamato nelle sue terre. In provincia di Reggio Emilia è attualmente coltivata soprattutto a Lentigione, in comune di Brescello, dove esistono numerosi impianti specializzati per una superficie di circa 6 ettari; da questa tradizione locale è derivata la denominazione “Prugna di Lentigione”. Il Comune di Brescello e i produttori, riuniti nella “Associazione per la valorizzazione della prugna di Lentigione”, hanno avviato iniziative rivolte ad una migliore conoscenza della varietà e alla sua valorizzazione. I terreni un tempo bagnati dal Po offrono l’habitat migliore per la coltivazione di questa varietà di susina perché il terreno è ricco di ferro e di elementi che conferiscono al frutto una maggiore dolcezza.

Grazie a questo prezioso regalo di natura la confettura Delizia di Prugna ottiene un indimenticabile aroma corposo di un pregiato vino d’annata. Provare per credere.

HappyMama incontra Cocò

HappyMama incontra Cocò e le sue splendide creazioni nel cuore di Bologna.
Crostate del giorno a base di confettura di ciliegie, dal gusto leggermente aspro, ideale per utilizzo in cottura abbinato alla pasta frolla.

HappyMama, intervista per Radio Inblu

Mollo tutto e cambio vita!
HappyMama è protagonista di una intervista su Radio Inblu, nella quale Guglielmo Mauti, compagno e socio della titolare Giorgia Rinaldi, racconta come è nata l’azienda di marmellate.
Happy Mama è nata dalla passione di alcune mamme emiliane che si incontravano per cucinare e chiacchierare, mentre le loro figlie trascorrevano tempo insieme.
Le prime marmellate erano vendute nelle fiere locali, ma ben presto il successo è arrivato e il progetto è passato da una dimensione di gioco ad una vera e propria dimensione imprenditoriale.
“Giorgia aveva questa idea, quella di distribuire le marmellate nel mondo e ha portato avanti quello che è il suo sogno” racconta Guglielmo, “dal canto mio non ho potuto che dirle vai avanti e segui il tuo sogno, io ti incoraggio!”.
Happy Mama è il sogno concreto di una donna coraggiosa che ha deciso di sperimentare ed esprimere la propria personalità attraverso la cucina. Giorgia ha messo in campo tutte le abilità culinarie e commerciali apprese nella sua precedente carriera per perseguire il suo obiettivo con tenacia ed entusiasmo.
La colazione in casa Rinaldi-Mauti? Pane caldo e marmellata Happy Mama ovviamente!